Frontiers of interaction iii – Coverage mattutino

Ecco siamo partiti finalmente anche se con un ritardo significativo dovuto ai ritocchi finali. Come ogni hanno il benvenuto è stato dato da un speaker d’eccezzione : Pabini Gabriel-Petit attraverso un video in rigoroso inglese ma comprensibile; a susseguirsi gli interventi del mattino :

  • Fabio Sergio con “Meeting the Needs of the Individual
  • Alessandro Valli con “Interacting with Things” non si poteva non parlare dell’esperienza di Surface (Microsoft) e di IO.
  • Paolo Rigamonti con “Artigianiato Digitale & Nuovi Maker” , forse lo speech meno interessante in apparenza ma che solleva comunque interessanti riflession : molte necessità tecniche non hanno soluzioni pronte sul mercato e si arriva ad autocostruirse mi fa subito pensare al monitor immersivo che ho provato ieri: quante cose mi servirebbero e dovrei farmi? il futuro è quindi personalizzazione ai massimi livelli?
  • Nicolas Nova con “PeopleThingsPlace: hybridization over the Internets” che tra le tante cose solleva il problema che non è vero che digitale è immateriale anzi richiede ingombranti infrastrutture.
  • Stefano Sanna un sardo veramente simpatico che ha portato un piccolo riassunto della situazione attuale del web. Tecnologia web 1.0 dove l’utente è solo recettore ed è obiettivamente bombardato da informazioni (mobile browsing); e ora la tecnologia web 2.0 meglio conosciuta come mobile blogging, all’interno della quale l’utente è partecipe ed interagisce con il monod. Oggi si spinge molto verso questa iterazione a cominciare da Sun con le sue SunSpot e ai mille sensori rfid.
  • Rafi Haladjian cofondatore di Violet con i suoi Nabaztag e ambienti intelligenti dove nel tempo si è passati da :
    function object a electronic object per giungere a connected object.
  • Special Guest: Takanori Shibata che direttamente dal giappone ha presentato un artefatto (Human Interactive Robot) estremamente interessante PARO un robot che reagisce/interagisce con le persone pensato appositamente come strumento terapeutico per le persone negli ospedali ma anche per la famiglia, è come avere un vero animale per casa.
  • Andrea Genovese fondatore di 7thfloor.it che fornisce il coverage odierno; ha presentato euromedia strumento basato su geoblog ossia legare googlemap ad un blog e contestualizzare il blog.
  • Patrizia Marti
  • che purtoppo non ho potuto seguire ma che recupererò grazie ai video.

A condimento aggiuntivo alla gian ben nutrita giornata la fine di ogni intervento era preceduto da segnali acustici che indicavano allo speaker che aveva raggiunto il limite di tempo, tecnica che credo sia estremamente intelligente in quanto : informa il pubblico, non è fastidioso anzi piacevole e ovviamente se ne accorge anche lo speaker e non può far finta di niete.

Ricordano che è possibile seguire le tracce dell’evento attraverso technorati :

e ovviamente con il coverage video live : – video recordered
–update–
le foto sono già presenti sul mio flickr.
–update–
ho inserito il link ai video registrati

Comments are closed.